Con i miei “Cappelli”, voglio esprimere stati d’animo esistenziali in composizioni surreali.

In queste opere i volti svolgono il ruolo di archetipi. Ciò che conta sono gli innumerevoli simboli che si sviluppano al di sopra e al di là della loro mente.

I cappelli per me sono l’espressione della condizione umana.